agricoltura urbana

L’orticoltura urbana rivestirà nel breve periodo un ruolo chiave e di svolta per lo sviluppo sostenibile delle nostre città. 

La produzione di cibo a stretto contatto con i suoi consumatori non solo ha un impatto positivo sull’ambiente riducendo l’anidride carbonica emessa per il trasporto e l’impacchettamento, ma anche perché essa stessa è veicolo di scambi intergenerazionali e culturali. 

Salus Space vuole su questo diventare un modello. Infatti, con i già 1.000 metri quadrati di orto sinergico a gestione della stessa comunità, produrrà tutto l’anno sufficiente cibo per soddisfare il fabbisogno degli abitanti e il surplus potrà essere trasformato direttamente in loco dal ristorante e dall’emporio. 

Un sistema di produzione che aspira al rifiuto zero, infatti lo spazio è già dotato di una compostiera per la trasformazione degli scarti vegetali della comunità in risorsa per la concimazione. 

Vicino all'orto presto sorgerà un biolago che avrà non solo lo scopo di raccogliere l’acqua piovana per l’irrigazione ma anche di favorire l’incremento della biodiversità a Salus Space. Insetti impollinatori, libellule, uccelli e tanti altri protagonisti infatti troveranno un luogo ideale in cui svilupparsi in sinergia con gli abitanti e le loro attività creando così un'area a funzione ecosistemica. 

A Salus Space però non troverete soltanto modelli di coltivazione su suolo, ma anche sistemi per la produzione di cibo innovativi

Camminando nell'orto potrete scorgere un impianto di acquaponica nel quale saranno prodotti tutti i tipi di ortaggi in sinergia con l’allevamento di pesce sia ornamentale che alimentare. Gli scarti organici naturalmente prodotti dai nostri amici acquatici andranno ad arricchire l’acqua di nutrienti che a loro volta potranno essere assorbiti dalle radici degli ortaggi per poi tornare nuovamente nella vasca dei pesci fitodepurata. Un eco-sistema che vive e si sviluppa in sinergia, replicando ciò che avviene normalmente in natura nel bordo dei laghi e fiumi ma sfruttandolo per la coltivazione di cibo direttamente in città.  

Le novità sicuramente non finiscono qui, a Salus Space, direttamente in container sarà possibile produrre funghi, erbe aromatiche, microgreens e fiori edibili tutto l’anno così da arricchire il menù del ristorante offrendo ai visitatori un’esperienza unica.

Tutto questo e molto altro sarà diffuso e trasmesso attraverso laboratori, corsi, eventi rivolti a tutti, grandi e piccoli, gratuitamente o a pagamento, coinvolgendo il quartiere, i cittadini di Bologna ma anche appassionati da tutta Italia.

Immaginiamo Salus Space come un hub, un ecosistema dove tecnologia, natura, cultura, arte, cibo e persone siano interconnesse e possano sviluppare insieme processi virtuosi per modelli replicabili in tutta Europa.