Allargate il Cerchio!

Nuovo appuntamento sabato 2 luglio, ore 19, con la Paranza sociale “Allargate il Cerchio!”.

Un progetto di musica inclusiva nel cui ambito sviluppare diverse attività musicali finalizzate al benessere e alla partecipazione attiva di tutti – nessuno escluso!
“Allargate il cerchio!” è una frase tipica che si può udire durante l’esecuzione di una tammurriata, urlata dal tammorraro o dal cantore, quando gli spettatori non lasciano abbastanza spazio ai ballerini per danzare, o quando i ballerini stessi sono troppo attaccati tra di loro. “Allargate il cerchio!” vuol dire favorire il benessere e l’inclusione di tutte le fasce di popolazione mediante attività musicali e musicoterapiche, o meglio, mediante una musicoterapia di comunità. Vuol dire aprirsi alla diversità, creare affinità, vicinanza, nuovi legami e nuove possibilità per tutte le persone.
La base è la musica popolare del sud Italia, ma tutte le musiche del mondo sono legate da radici comuni. Solo attraverso la commistione e la contaminazione di culture e musiche diverse si può arrivare ad allargare il nostro cerchio personale, sociale e comunitario.


Robè e Paranza sociale

L’appuntamento musicale del 25 giugno prevede  Robbè + Paranza sociale “Allargate il Cerchio!”

Robbè, è un cantautore, classe ’94, nato a Deliceto, piccolo paese del Subappennino Dauno, terra di confine tra la Puglia, l’Irpinia e la
Basilicata. Una terra che porta con sé in giro per il mondo, contaminandola di influenze che man mano raccoglie lungo il proprio
cammino: dall’entroterra del sud alle dolci colline bolognesi, fino alle ripide scogliere d’Irlanda, Robbè traspone il proprio vissuto e le proprie radici in reels e ballads, mescolando sapientemente stili, culture e tradizioni.
In un panorama musicale fatto di emozioni “mordi e fuggi”, Robbè si presenta al pubblico con un album di ben 12 brani, denso e
stilisticamente ricco, in un originale vortice di malinconie ed eccentricità che lascia spazio a intensi attimi di respiro: da buon
“artigiano della musica”, Robbè elabora emozioni e nostalgie con minuziosa cura e raffinata attenzione, cesellandone ogni dettaglio.

Ingresso gratuito, ore 12.30